Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

La Lingua di Cleopatra

Traduzioni e sopravvivenze decostruttive

Pubblicazione:  1 gennaio 2009
Edizione:  1
Pagine:  272
Peso:  326 (gr)
Collana:  1075 Con-tratto
Formato:  140x210
Confezione:  Brossura con bandelle
EAN:  9788821185465 9788821185465
€ 26,00 € 3,90
Sconto:  85%
Risparmi: € 22,10 ogni copia
Descrizione
L’interrogativo che regge il pensiero scritturale qui presentato è se possa esistere, nella contemporaneità, un appello utopico ad un lingua poetica che sappia accogliere l’alterità, esprimere le sue condizioni di esilio, annunciarne il desiderio di futuro. Intorno a questi nuclei di analisi, La lingua di Cleopatra tesse – è la forza stessa della traduzione interpretata dalla figura shakesperiana – legami strettissimi con il pensiero utopico di Walter Benjamin (e della Scuola di Francoforte), con la filosofia di Jacques Derrida nell’intreccio con il poststrutturalismo di Paul de Man, col pensiero postcoloniale di Gayatri C. Spivak nella sua vicinanza d’ispirazione con l’écriture feminine di Hélène Cixous. La prospettiva è quella che s’interessa così al dibattito teorico sulla traduzione, all’intertestualità, alla (dis)appropriazione autoriale, alla sperimentazione di nuove forme della comunicazione artistica, con la musica, il cinema, il reportage giornalistico.
Note sull'autore
Silvana Carotenuto è docente di Letteratura inglese contemporanea presso l’Università degli Studi di Napoli ‘L’Orientale’. Ha pubblicato, tra l’altro, i volumi La voce di Mnemosine (1990, Napoli), Ellissi di senso. L’altro corpo della tragedia shakespeariana (1999, Roma), la traduzione italiana di Tre passi sulla scala della scrittura di Hélène Cixous (2002, Roma), la cura, con altri, di Frontiere del corpo/ Frontiere dell’identità (2003, Salerno), e di La nuova Shahrazad. Donne e multiculturalismo (2004, Napoli). Oltre ad innumerevoli saggi sulla scrittura femminile, la studiosa si occupa di decostruzione e di pensiero post-coloniale.