Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

La Leggenda del Grande Inquisitore

Introduzione di Vittorio Strada

Pubblicazione:  gennaio 2008
Edizione:  1
Pagine:  216
Peso:  259 (gr)
Collana:  1051 Saggistica
Formato:  140x210
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Introduzione di Vittorio Strada
EAN:  9788821165894 9788821165894
€ 18,00

non acquistabile
Descrizione
Capita, talvolta, che un personaggio o un breve brano di un’opera famosa acquistino autonomia e raggiungano per i lettori una forza simbolica pari a quella dell’opera stessa. È questo certamente il caso della Leggenda del grande Inquisitore, racconto inserito nei Fratelli Karamazov di F.M. Dostoevskij. Vi compaiono le figure di Gesù e del Grande Inquisitore a testimoniare il contraddittorio rapporto dello scrittore con il cristianesimo nelle sue diverse forme storiche. La forza drammatica e "dialogica" dell'incontro tra Gesù e il "suo" Inquisitore sta – come dice Vittorio Strada – «nella tensione aperta tra il silenzio del primo e il discorso del secondo, nel confronto stesso tra due forze di cui l'una, quella dell'Inquisitore, è la perversione spirituale dell'altra, ma, nello stesso tempo, ne è lo sviluppo storico». Di questo racconto un’interpretazione sicuramente importante è quella di Rozanov, pubblicata per la prima volta nel 1891 nel libro che lo impose al pubblico. Si tratta di un’indagine filosofica, più che di critica letteraria, che propone un approccio originale. Rozanov scriveva: «Tutto si è talmente intricato che i “malvagi” hanno più pietà dell’uomo di quanto non l’abbia il loro “buon salvatore”: sono queste le sue proprie parole, la sua propria tesi; benché nel corso di tutta la Leggenda egli umilî loro ed esalti lui. Che stranezza: gli uomini sono triviali, non credono in Dio, eppure hanno pietà l'uno dell'altro. Il salvatore invece è così maestoso e gli uomini sono sotto di lui come sabbia bagnata: non c'è posto dove mettere i piedi».