Il Centro Editoriale Dehoniano chiude per la pausa estiva dal 10 al 21 agosto compresi.
Gli ordini processati dal 5 al 23 agosto saranno evasi a partire da lunedì 24 agosto.
Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello
Giovedì 12 marzo 2020  17:30 VENEZIA Ateneo Veneto, Sala San Tommaseo, campo San Fantin 1897, 30124 Venezia place
Incontro sospeso in seguito alle disposizioni emanate dal decreto della Presidenza del Consiglio dei ministri dell'1 marzo 2020.
MEMORIA
Lezione di Anna-Vera Sullam Calimani
l'ospite

Anna-Vera Sullam Calimani ha insegnato Lingua e Storia della lingua italiana all’Università Ca’ Foscari di Venezia. Si è occupata del lessico italiano e del rapporto tra la lingua inglese e quella italiana. Tra i suoi lavori ricordiamo: Il primo dei Mohicani. L’elemento americano nelle traduzioni dei romanzi di J.F.Cooper (Iepi, 1995) e la curatela di Italiano e inglese a confronto (Cesati, 2003).

Dopo la fine della seconda guerra mondiale, quando cominciò a emergere la consapevolezza che una delle tragedie che si erano verificate in quel periodo era stato il massacro di quasi sei milioni di ebrei, si parlò prima di deportazione e di sterminio, e successivamente di genocidio. Nel mondo ebraico orientale e tra gli abitanti del nascente Stato d’Israele furono utilizzate parole come hurban e poi shoah. Oggi molti storici si riferiscono a quell’evento definendolo metaforicamente soluzione finale o Auschwitz; gli inglesi, gli americani e i mass-media lo chiamano olocausto.

Fra gli ebrei religiosi, alcuni, addirittura, non vogliono neppure nominarlo, ritenendolo inconcepibile, mentre altri hanno formulato definizioni diverse che fanno riferimento alla sua unicità e alle sue terrificanti proporzioni.

Che significato ha questo proliferare di nomi? Perché definire olocausto, ossia «sacrificio in cui la vittima viene interamente arsa», lo sterminio di un popolo? Quale importanza può avere il nome con cui definiamo quest’immane tragedia? E perché essa deve avere una denominazione che la identifichi tra tutte quelle avvenute nei secoli?

Per PAROLE IN VIAGGIO Anna-Vera Sullam Calimani cerca di rispondere a queste domande, spiegando come e perché sono nate le singole definizioni; come la ricerca di un nome abbia accompagnato l’approfondirsi della conoscenza storica dell’evento; come per tutto ciò vi siano motivazioni non solo linguistiche, ma anche psicologiche, politiche, storiche e religiose.