Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Comunque padri

Romanzo

Pubblicazione:  1 gennaio 2011
Edizione:  1
Pagine:  248
Peso:  298 (gr)
Collana:  1088 Le fionde
Formato:  140x210
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Postfazione di Luca Doninelli
EAN:  9788821156144 9788821156144
€ 16,00 € 2,40
Sconto:  85%
Risparmi: € 13,60 ogni copia
Descrizione
Tre romanzi brevi o tre respiri lunghi, i passi di un endecasillabo: queste le storie raccontata da tre voci di donne che hanno in comune la stessa radice di male e di bene. La prima attraversa l’ossessione dell’anoressia, la seconda il sesso e la prostituzione, la terza il sacrificio e la vocazione, lande desolate che le fanno approdare allo stesso lido, allo stesso abbraccio amoroso: paterno. Questa è una trilogia della necessità, del bisogno e del desiderio del cuore dell’uomo che invoca l’amore a gran voce: “tutto, in ultima istanza, o è salvo o è perso” (Flannery O’Connor) e grida come sia necessario un padre capace di entrare nel male e nel peccato per amarci interamente. La scrittura si inoltra davvero “nel territorio del diavolo” e si adegua assumendo nel corpo vivo della lingua la forma dell’angoscia attraversata. Vischiosa, ipnotica, ossessivante di rime nella prima storia.
Affamata, dove la fame, bisogno cogente e primario, parla di un desiderio della carne impossibile da soddisfare.
Nella seconda storia, Le tre di Luca, la prostituta minorenne è straniera, l’italiano è la lingua estranea che prima la violenta e poi la placa: sceglie il vecchio padre per il suono della sua voce.
Infine, In questa valle, la madre che guarda suo figlio allontanarsi da lei e assumere su di sé un destino assoluto, è sedotta dalla bellezza, offertale in parole piene come pani da mangiare.
Note sull'autore
Maddalena Bertolini Fanton ha compiuto studi classici, e conseguito il diploma in Ostetricia; vive a Pergine Valsugana, in Trentino, con suo marito e quattro figli. Collabora da anni con la rivista letteraria "ClanDestino" e ha alle sue spalle la pubblicazione di numerosi articoli e saggi. Nel 2006 pubblica la raccolta di racconti Storie comunque di madri (Rimini). È del 2009 il suo primo libro di poesia Le mani delle parole (Rimini).