Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Sul racconto

Una conversazione inedita con Paolo Fabbri. Postfazione di Gianfranco Marrone

Pubblicazione:  settembre 2019
Edizione:  1
Pagine:  88
Peso:  62 (gr)
Collana:  1104 Le madrèpore
Formato:  100x165x7 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Intervistatore Paolo Fabbri  -  Introduzione di Gianfranco Marrone
EAN:  9788821111099 9788821111099
€ 8,00

non acquistabile
Descrizione
Se il telefono suona, siamo di fronte a due possibilità: James Bond può alzare il ricevitore oppure no, e questo naturalmente può indirizzare il racconto in due direzioni completamente diverse.
In questa conversazione inedita con Paolo Fabbri, registrata a Firenze nel dicembre del 1965, Roland Barthes affronta il tema dell’analisi strutturale dei racconti a partire dalle intuizioni di Vladimir Propp, che suscitarono un dissidio teorico tra Claude Lévi-Strauss e Algirdas J. Greimas. E così, dall’Odissea a Sherlock Holmes, da Don Chisciotte a Madame Bovary, il racconto viene esaminato come un’architettura e una stratigrafia di sequenze.
Sommario
1. Introduzione, Paolo Fabbri. 2. Sul racconto. Intervista a Roland Barthes. 3. Postfazione, Gianfranco Marrone.
Note sull'autore
Roland Barthes (1915-1980), saggista e semiologo, tra i maggiori esponenti dello strutturalismo francese del '900, ha insegnato all'École Pratique des Hautes Études e al Collège de France. Tra le sue opere: Il grado zero della scrittura, Frammenti di un discorso amoroso e La camera chiara, pubblicati in Italia da Einaudi.

Paolo Fabbri, semiologo, ha collaborato per molti anni con Algirdas J. Greimas a Parigi e con Umberto Eco a Bologna. Ha insegnato nelle Università di Firenze, Urbino, Palermo, Bologna e in molti atenei europei e americani. È stato direttore dell'Istituto Italiano di Cultura di Parigi.

Gianfranco Marrone, professore di Semiotica all'Università di Palermo, ha tradotto in italiano numerose opere di Barthes.