Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

La Gomena

Testo latino a fronte. A cura di Silvia Stucchi

Pubblicazione:  10 febbraio 2020
Edizione:  1
Pagine:  304
Peso:  330 (gr)
Collana:  1108 Le lampare
Formato:  140x210x22 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788821113307 9788821113307
€ 25,00 € 23,75
Sconto:  5%
Risparmi: € 1,25 ogni copia
Descrizione
In virtù della loro arguzia o per i tipi comici che consegnano alla storia del teatro, alcune commedie di Plauto hanno beneficiato nel corso dei secoli di ampio successo e di frequenti messe in scena. È il caso del Miles gloriosus, con il personaggio del soldato vanaglorioso, o dell’Aulularia, con il tipo del vecchio avaro, che ha fornito fertile materia all’immaginazione teatrale di Molière ed è diventato uno stereotipo fecondo anche per il cinema e i fumetti. In questo contesto, una commedia come il Rudens (La gomena) occupa un ruolo del tutto particolare: scritta tra la fine del III e l’inizio del II secolo a.C., è una delle opere più innovative dell’epoca perché non è ambientata in una città, ma interamente su una spiaggia del Nord Africa, e si regge su un tema cui la sensibilità moderna riserva grande attenzione: la giustizia retributiva. Plauto presenta una vicenda in cui l’elemento femminile, tradizionalmente debole e sottoposto ad abusi e angherie, risulta decisamente centrale, a partire dalle protagoniste, doppiamente emarginate in quanto donne e in quanto schiave.
Sommario
Introduzione. Prologus. Prologo. Actus I. Atto I. Actus II. Atto II. Actus III. Atto III. Actus IV. Atto IV. Actus V. Atto V. Bibliografia.
Note sull'autore
Tito Maccio Plauto (250 a.C. circa-184 a.C. circa), commediografo latino autore di numerose opere – tra cui Amphitruo, MenaechmiMiles gloriosus e Aulularia –, è tra gli scrittori antichi più studiati. I suoi testi sono attraversati da una comicità fantasiosa e varia e da una singolare vitalità. La fortuna critica di Plauto risale al Rinascimento, quando i suoi scritti contribuirono alla nascita della commedia moderna.
Silvia Stucchi è docente di Latino nei licei e di Letteratura latina all’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano.