Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

In bianca maglia d'ortiche

Per un ritratto di Cristina Campo. Con una nota di Alessandro Spina

Pubblicazione:  2 gennaio 2010
Edizione:  1
Pagine:  128
Peso:  153 (gr)
Collana:  1001 I Rombi
Formato:  120x170
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Postfazione di Alessandro Spina
EAN:  9788821165283 9788821165283
€ 14,00 € 2,10
Sconto:  85%
Risparmi: € 11,90 ogni copia
Descrizione
Nonostante la ricca messe di studi e la crescente bibliografia critica sull'opera di Cristina Campo, mancava a tutt'oggi un libro di un singolo interprete disposto a divenire "l'eco mnemonica" di quella che si va imponendo, ormai, come una vera e propria maestra segreta del Novecento. Non è, questa di Morasso, una semplice raccolta di saggi sparsi. Pur nella sua sintetica brevità, il libro si addentra per scorci prospettici nel vivo del corpus testuale della Campo puntando a delineare i tratti di un itinerario tematicamente esaustivo. Arricchisce il volume un'intensa postfazione di Alessandro Spina, il grande amico "lontano" di Cristina Campo.
Note sull'autore
Massimo Morasso (Genova 1964) è poeta, critico e traduttore. Per Marietti nel 2005 ha pubblicato Le poesie di Vivien Leigh. Canzoniere apocrifo (Premio Città di Atri 2007), parte di un più articolato progetto di scritture nel segno unico della Leigh. I suoi ultimi libri sono: Bagattelle per un progetto di civiltà (2008), La furia per la parola nella poesia tedesca degli ultimi due secoli (2009), La vita intensa. I racconti di Vivien Leigh (2009).