Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Le Cento e dieci divine considerazioni

Testo comparato, note, introduzione a cura di Teodoro Fanlo y Cortés

Pubblicazione:  1 gennaio 2004
Edizione:  1
Pagine:  496
Peso:  600 (gr)
Collana:  1069 Biblioteca cristiana
Formato:  140x210
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Curato e tradotto da Teodoro Fanlo y Cortés
EAN:  9788821168239 9788821168239
€ 32,00 € 4,80
Sconto:  85%
Risparmi: € 27,20 ogni copia
Descrizione
Lo spirito tollerante, l’originalità del pensiero, la capacità di comunicazione e di introspezione dell’animo e il fascino personale fanno l’immensa fortuna dell’insegnamento del riformatore spagnolo. Il suo metodo didattico è pervaso non soltanto da questa moderazione ma anche dalla "letizia" e dall'euforia che sono frutti della vita nello Spirito che dà la certezza della salvezza e la forza per camminare nell’amore. La versione originale di questo testo fu redatta in spagnolo e consegnata a Giulia Gonzaga, la quale a sua volta lo fece avere al vescovo di Capodistria, Pier Paolo Vergerio, che, in Basilea, lo consegnò all'umanista Celio Secondo Curione. La presente edizione si rifà alla princeps di Basilea del 1550, che è una traduzione italiana. La trascrizione del testo del 1550 è presentata con una rigorosa fedeltà all’originale, tranne che per quanto attiene ad una opportuna modernizzazione tutt’altro che arbitraria. Presentiamo dunque l’opera più rappresentativa, importante e matura di Juan de Valdés: ognuna delle Considerazioni ha come oggetto una riflessione teologica puntualmente appoggiata al testo biblico, e rappresenta la discussione di temi dottrinali che scaturiscono dalla Bibbia.
Note sull'autore
Juan de Valdés (1490-1541) fu fautore della Riforma. Il suo Dialogo della dottrina cristiana, pubblicato con l’incoraggiamento di Erasmo, fu condannato dall’Inquisizione. Dalla Spagna si trasferì a Roma come cameriere apostolico di Clemente VII. Con l’avvento di Paolo III, essendo in contrasto con lui, si rifugiò a Napoli dove diresse una piccola comunità religiosa. Il suo pensiero si avvicina molto alle tesi luterane.


Teodoro Fanlo y Cortés è nato a Castiliscar (Zaragoza, Spagna); dottore in lingue e letterature straniere e laureato in Teologia Protestante e in Teologia Cattolica, ha compiuto i suoi studi presso la Facoltà Valdese a Roma, presso la Pontificia Università Gregoriana, e  presso la Union Theological Seminary di Richmond (Virginia). Ha esercitato il pastorato nel New Mexico e in Italia (Frosinone e Trieste). Attualmente è pastore della Chiesa Valdese di Genova Centro. Ha pubblicato vari saggi di linguistica e teologia ecumenica.