Il Centro Editoriale Dehoniano chiude per la pausa estiva dal 10 al 21 agosto compresi.
Gli ordini processati dal 5 al 23 agosto saranno evasi a partire da lunedì 24 agosto.
Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

La Borsa

Traduzione di Vito Punzi. Nota di lettura di Franco Ferrarotti

Pubblicazione:  15 luglio 2020
Edizione:  1
Pagine:  160
Collana:  1103 I Melograni
Formato:  110x180x12 (mm)
Confezione:  e-book
 EPUB  - Filigrana digitale
Altri autori:  Postfazione di Franco Ferrarotti  -  Tradotto da Vito Punzi
EAN:  9788821197468 9788821197468
Descrizione
Scritto nel 1896, questo saggio - ormai introvabile in italiano - mette sotto osservazione il tempio della finanza nell’epoca in cui la borsa valori diventa il simbolo stesso del capitalismo e, secondo l'opinione popolare, un'impresa fraudolenta progettata per abusare dei lavoratori onesti. Weber dimostra che gli scambi commerciali, nella loro ambivalenza, possono contribuire a creare o a distruggere i valori culturali, così come avevano demolito le fondamenta del patriarcato, creando tuttavia nuove opportunità per i salariati agricoli. In modo analogo, la stessa borsa ha facilitato l'espansione del mercato e ha consentito, al tempo stesso, nuove forme di criminalità e abusi.
Sommario
1. Finalità e organizzazione esterna delle Borse. 2. Le negoziazioni di Borsa.
Max Weber, il Tonio Kröger della sociologia di Franco Ferrarotti.
Note sull'autore
Max Weber (1864-1920), sociologo, economista e storico tedesco, figura centrale della cultura europea tra Otto e Novecento, insegnò nelle Università di Friburgo, Heidelberg, Vienna e Monaco. Partecipò alla fondazione del Partito democratico tedesco e contribuì alla Costituzione della Repubblica di Weimar.

Franco Ferrarotti è professore emerito di Sociologia all’Università di Roma La Sapienza e direttore della rivista Critica sociologica.