Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Il Teatro della leggerezza

Libretti di sala. A cura di Mariapia Frigerio

Pubblicazione:  25 settembre 2018
Edizione:  1
Pagine:  104
Peso:  124 (gr)
Collana:  1103 I melograni
Formato:  112x180x8 (mm)
Confezione:  Brossura con bandelle
EAN:  9788821110047 9788821110047
€ 9,50 € 8,08
Sconto:  15%
Risparmi: € 1,42 ogni copia
Descrizione
Raccolti per la prima volta in volume i preziosi libretti di sala scritti dall’attore e regista Paolo Poli, un unicum nel mondo teatrale italiano. Le note critiche e informative sui suoi spettacoli, in cui vivono rivisitazioni di testi letterari, canzoni d’epoca e balletti, rivelano una scrittura rapida e al tempo stesso incisiva, riflesso del suo universo teatrale, della sua comicità raffinata e della capacità di muoversi  tra generi e registri diversi.
Sommario
Introduzione (M. Frigerio).  1. La nemica.  2. Carolina Invernizio!  3. La vispa Teresa.  4. L’uomo nero.  5. Giallo.  6. Femminilità!!!  7. Apocalisse!!!  8. Introduzione a STO. Una linea di sorriso.  Scheda biobibliografica.
Note sull'autore
Paolo Poli (1929-2016), attore e regista, nel 1961 è protagonista di una trasmissione della Rai per i bambini, Controcanale, in cui legge favole tratte da Esopo e da famosi racconti. Avrà importanti ruoli anche in altri programmi radiofonici e televisivi, come lo Zecchino d’oro e Canzonissima. Sempre per la Rai realizza nel 1976 lo sceneggiato I tre moschettieri. Recita in vari audiolibri, tra cui un Pinocchio (Giunti 2011), e rilascia importanti interviste uscite in volume: Siamo tutte delle gran bugiarde (Perrone 2009), Sempre fiori mai un fioraio (Rizzoli 2013) e Alfabeto Poli (Einaudi 2013).
Mariapia Frigerio collabora con le pagine culturali del quotidiano Avvenire. Vive a Lucca ma ha completato gli studi a Torino, dove ha lavorato anche come marionettista nel Teatro Stabile dei Lupi. Cinque suoi racconti sono stati pubblicati da Camorak Sogni, nella raccolta dal titolo L’odore della muffa (2008).