Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Addio

Piccola grammatica dei congedi amorosi

Pubblicazione:  14 aprile 2020
Edizione:  1
Pagine:  224
Collana:  1103 I Melograni
Formato:  110x180x17 (mm)
Confezione:  e-book
 EPUB  - Filigrana digitale
EAN:  9788821196799 9788821196799
Descrizione
Non è forse vero che soffriamo per amore, che le nostre storie finiscono, che i legami si logorano e che più spesso di quanto vorremmo ammettere ci ritroviamo con il cuore in frantumi e gli occhi pieni di lacrime? E non capita con una certa frequenza di dovere o volere interrompere una relazione amorosa che ci rende tristi e insoddisfatti senza tuttavia riuscire a farlo? Perché non si può semplicemente accettare il cambiamento, l’inevitabile fine, e provare a dire «addio»?
Questo libro cerca di rispondere analizzando i congedi amorosi attraverso quarantanove frammenti tratti dalla letteratura, dalla filosofia, dal cinema e dalla storia, percorrendo contro mano la strada già magistralmente esplorata da Roland Barthes nei Frammenti di un discorso amoroso.
È un tentativo per guardare dentro le scatole nere di quegli aerei che sembravano progettati per portarci in paradiso e invece si sono schiantati contro un muro qualsiasi, ai piedi del quale osserviamo i resti di ciò che eravamo quando credevamo di essere tutt’uno con un’altra persona.
Sommario
Introduzione. 1. Addio. 2. Ambiguità. 3. Amicizia. 4. Angoscia. 5. Arsenico. 6. Assenza. 7. Attesa. 8. Autoinganno. 9. Baci. 10. Biglietto. 11. Bisogno. 12. Colpa. 13. Compassione. 14. Comportamento. 15. Contatti. 16. Coraggio. 17. Corpo. 18. Cuore. 19. Danza. 20. Durata. 21. Ebbrezza. 22. Equilibrio. 23. Eva. 24. Fastidio. 25. Fedeltà. 26. Gelosia. 27. Identità. 28. Incontro. 29. Insopportabili. 30. Occhiali scuri. 31. Odio. 32. Oggetti. 33. Orecchie. 34. Pazzia. 35. Pentimento. 36. Piangere. 37. Poliamore. 38. Ricordi. 39. Rimorsi e rimpianti. 40. Risveglio. 41. Scenate. 42. Scrivere. 43. Segni. 44. Solitudine. 45. Suicidio. 46. Tumefazioni. 47. Tutto/niente. 48. Uscita. 49. Verità. Ringraziamenti
Note sull'autore
Carola Barbero è docente di Filosofia del linguaggio e Filosofia della Letteratura all’Università di Torino. Tra le sue pubblicazioni recenti: Filosofia della letteratura (Carocci 2013), L’arte di nuotare (Il Nuovo Melangolo 2016), Attesa (Mursia 2016), Significato. Dalla filosofia analitica alle scienze cognitive (con Stefano Caputo, Carocci 2018) e La porta della fantasia (Il Mulino, 2019). Per Marietti 1820 ha scritto la nota di lettura a Francis Scott Fitzgerald Il grande Gatsby (2019).