Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vai al carrello

Interrogare la storia

Pagine ritrovate. Introduzione di Gabriella Airaldi

Pubblicazione:  19 maggio 2021
Edizione:  1
Pagine:  112
Collana:  1103 I Melograni
Formato:  110x180x9 (mm)
Confezione:  e-book
 EPUB  - Filigrana digitale
Altri autori:  Introduzione di Gabriella Airaldi  -  Tradotto da Giovanni Ibba
EAN:  9788821197840 9788821197840
Descrizione
Mai apparsi prima d’ora in Italia, i cinque testi che compongono questo libro riguardano tre temi particolarmente cari a Philippe Ariès. Il primo è una lettura quasi autobiografica del suo incontro con la storia delle mentalità, la cui indagine richiede ragione e passione. Il secondo riguarda il mondo dell’infanzia, osservato in un passaggio cruciale: a partire dal XVII secolo, la famiglia aperta sulla società degli adulti diviene una struttura chiusa che si concentra, anche sul piano affettivo, sui bambini e li confina tra le mura di casa ritardandone il passaggio all'età adulta. Il terzo tema riguarda la fine della vita; i testi qui riportati permettono di cogliere la “preistoria” delle ricerche dell'autore su questo tema e sulla liturgia antica dei funerali.
Sommario
Introduzione: Un ricercatore libero e un po' anarchico (di Gabriella Airaldi). 1. Ego-storia e storiografia. 2. Sulle orme del bambino. 3. Da ieri a oggi, da una civiltà all’altra. 4. Sulla morte. 5. La liturgia antica dei funerali. Nota ai testi.
Note sull'autore
Philippe Ariès (1914-1984), tra i maggiori storici europei del Novecento, è stato medievista e studioso della famiglia, dei costumi sociali e dell'educazione, mantenendosi sempre nell'ambito di storia delle mentalità. È stato directeur d'études all'École des hautes études en sciences sociales di Parigi.

Gabriella Airaldi, specialista di Storia mediterranea e di Storia delle relazioni internazionali, ha insegnato Storia medievale all’Università di Genova.