Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Educare a distanza

Tre conversazioni su radio, tv e web con Marino Sinibaldi, Roberto Farné e Simone Pieranni

Pubblicazione:  14 settembre 2020
Edizione:  1
Pagine:  45
Collana:  1199 i Rèfoli
Confezione:  e-book
 EPUB  - Filigrana digitale
Altri autori:  Intervistato Marino Sinibaldi  -  Intervistato Roberto Farné  -  Intervistato Simone Pieranni
EAN:  9788821197390 9788821197390
€ 2,99
Descrizione
Cosa significa insegnare senza essere fisicamente in un'aula scolastica o universitaria? E in che modo è possibile fare tesoro di modalità "da remoto" in situazioni educative che richiedono l'interazione fisica e visiva? Cerca una risposta a queste domande un professore dell'Università di Napoli, che conversa con Marino Sinibaldi, direttore di Radio3, Roberto Farné, docente ordinario di Didattica generale all'Università di Bologna, e Simone Pieranni, giornalista del quotidiano Il Manifesto ed esperto del mondo cinese. Sinibaldi, giornalista, critico letterario, scrittore, autore di programmi radiofonici storici come Fine secolo, Lampi, Supergiovani, Senza rete e Farenheit è anche l'ideatore di Radio Scuola, nata in un momento difficile in cui studenti e docenti non potevano trovarsi insieme in aula. Quel programma radiofonico, ricco di approfondimenti culturali per studenti e insegnanti, invita a ripensare la didattica a distanza e il rapporto tra radio, scuola ed educazione. Roberto Farné ripercorre l'esperimento condotto tra il 1960 e il 1968 dal maestro Alberto Manzi con la trasmissione televisiva Non è mai troppo tardi, che dagli schermi della Tv italiana consentì a oltre un milione e mezzo di italiani di accedere alla licenza elementare. Simone Pieranni, giornalista de Il Manifesto, che alla luce dell'esperienza della Cina, Paese in cui ha vissuto dal 2006 al 2014, riflette sull'imponente sistema di controllo  messo in atto mediante i big data e sulle ripercussioni dell'algoritmo nel campo dello scuola e della didattica a distanza.
Sommario
Introduzione. 1. Quando la radio si fa scuola. 2. Un maestro vicino e lontano. 3. Educare o sorvegliare a distanza?
Note sull'autore
Paolo Vittoria, professore associato di Pedagogia generale e sociale all'Università di Napoli Federico II, insegna anche all'Accademia di belle arti. Ha insegnato Filosofia dell'educazione ed Educazione popolare e movimenti politici all'Università Federale di Rio de Janeiro, in Brasile, ed è stato visiting professor all'Anglia Ruskin University, in Inghilterra, e all'Università di Sibiu, in Romania.