Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Dipinti a voce

Sopravvivere con l'arte in un lager nazista. A cura di Roberto Alessandrini

Pubblicazione:  5 gennaio 2021
Edizione:  1
Pagine:  72
Peso:  52 (gr)
Collana:  1104 Le Madrèpore
Formato:  100x165x6 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Curatore letterario Roberto Alessandrini
EAN:  9788821111112 9788821111112
€ 10,00 € 9,50
Sconto:  5%
Risparmi: € 0,50 ogni copia
Descrizione
Arrestato dalla Gestapo, François Le Lionnais viene deportato nel 1944 nel campo di concentramento di Mittelbau-Dora, destinato alla produzione delle Wunderwaffen, le "armi prodigiose" che, secondo la propaganda tedesca, avrebbero cambiato il corso del secondo conflitto mondiale. Ingegnere e matematico, Le Lionnais si prodiga in attività di sabotaggio, ma per i suoi compagni di prigionia svolge un’altra attività, non meno vitale: durante i lunghissimi appelli descrivere, persino nei dettagli e nei colori, dipinti più o meno celebri che conosce a memoria.
Resoconto di un originale tentativo di sopravvivenza, questo testo – uno dei più brevi e sorprendenti sui campi nazisti - è la testimonianza strabiliante del potere dell’astrazione e dell'arte, un atto di estrema resistenza che segna la vittoria della bellezza sull’orrore, trasformandosi in un autentico inno alla vita.
Con 23 immagini in bianco e nero.
Sommario
Dettagli vitali (Roberto Alessandrini). 1. Dipinti a voce. 2. Immagini. 3. Elenco delle immagini. 4. Notizia biografica.
Note sull'autore
François Le Lionnais (1901-1984), ingegnere, matematico e letterato francese, fondò con Raymond Queneau il gruppo di ricerca Oulipo (Opificio di letteratura potenziale), di cui fu il primo presidente e al quale aderirono anche Perec, Calvino e Roubaud.