Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

La Bibbia di Doré in 241 incisioni

Introduzione di Gianfranco Ravasi

Pubblicazione:  29 settembre 2020
Edizione:  1
Pagine:  264
Peso:  1590 (gr)
Collana:  1110 Biblioteca delle Grandi Opere
Formato:  245x312x32 (mm)
Confezione:  Cartonato con sovracoperta
 Con sovraccoperta
Altri autori:  Di (artista) Gustave Doré  -  Introduzione di Gianfranco Ravasi
EAN:  9788821165566 9788821165566
€ 55,00 € 52,25
Sconto:  5%
Risparmi: € 2,75 ogni copia
Descrizione
Per secoli la Bibbia ha costituito lo sterminato repertorio iconografico, ideologico e poetico a cui la cultura occidentale ha attinto. Nel flusso ininterrotto e variegato di immagini prodotte per narrare la storia sacra uno spazio significativo è occupato da La Sainte Bible commissionata a Doré nel 1864. A quest’opera il disegnatore francese si consacrò con una passione e un entusiasmo straordinari, affidandosi alla fantasia ma senza ignorare le prime fotografie che a quel tempo giungevano dalla Palestina. Il risultato è una stupenda sequenza di 241 immagini che spaziano dalla Genesi all’Apocalisse attraversando i 73 libri biblici; dalla creazione della luce, per un arco di scene spesso emozionanti, si giunge alla Gerusalemme celeste, la visione apocalittica che sigilla le Scritture.
Note sull'autore
Gustave Doré (Strasburgo 1832 – Parigi 1883) è stato il più celebre incisore d’Europa. Si è cimentato con Rabelais, Balzac, la Divina Commedia di Dante, il Don Chisciotte di Cervantes, Milton, La Fontain e Ariosto segnando l’immaginario del suo tempo.

Gianfranco Ravasi, cardinale, biblista di fama internazionale, è presidente del Pontificio consiglio della cultura e della Pontificia commissione di archeologia sacra.