Questo e-commerce utilizza i cookie per migliorare l'esperienza di acquisto.
Utilizzando i nostri servizi accetti che i cookie vengano installati sul tuo dispositivo.
Informativa sui cookie
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vedi il carrello

Lettere alla madre

Nuova edizione. A cura di Giuseppe Battelli

Pubblicazione:  agosto 2019
Edizione:  1
Pagine:  320
Peso:  236 (gr)
Collana:  1103 I melograni
Formato:  110x180x24 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788821110184 9788821110184
€ 19,00


Ci scusiamo per il disagio.
Il catalogo Marietti tornerà a breve acquistabile dal portale.
Per acquisti urgenti contattare ufficio.commerciale@dehoniane.it
Descrizione
Don Lorenzo Milani combatté l’analfabetismo dei ceti sociali più poveri, l’esercizio prepotente dell’autorità all’interno della Chiesa e nella società, la fisionomia classista della scuola pubblica. Rispetto alle sue battaglie ideali, le lettere inviate alla madre Alice Weiss tra il 1943 e il 1967 – qui proposte in una nuova edizione - sono più luoghi di rifugio che di ispirazione diretta. E, come sottolineò Pasolini all’apparire della prima edizione del carteggio, i due interlocutori sono un prete cattolico e una madre ebrea che appartengono a un mondo culturalmente e ideologicamente laico.
Sommario
1. Introduzione, Giuseppe Battelli. 2. Gli anni del seminario (1943-1947). 3. S. Donato a Calenzano (1947-1954). 4. Barbiana (1954-1967).
Note sull'autore
Lorenzo Milani (1923-1967), di famiglia israelitica alto borghese ma battezzato durante le persecuzioni razziali, venne ordinato prete a Firenze nel 1947. Cappellano a San Donato di Calenzano, dove aprì una scuola popolare, e poi priore a Barbiana, nel Mugello, si occupò dell’istruzione dei ragazzi del paese, con i quali nel 1967 scrisse Lettera a una professoressa, un «manifesto» che ha segnato profondamente la società e il mondo della scuola.

Giuseppe Battelli è professore ordinario di Storia contemporanea all’Università di Trieste.