Le attività editoriali di Marietti 1820 proseguono regolarmente nell'ambito dell'esercizio provvisorio disposto dal Tribunale di Bologna con la sentenza di fallimento del Centro Editoriale Dehoniano s.r.l.
L'intero catalogo e le novitá editoriali in uscita sono e saranno disponibili nelle librerie e distribuiti anche su questo sito.
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vai al carrello

Senso e sensibilia

Traduzione e note di Alessandro Dell'Anna. Postfazione di Paolo Bozzi e Maurizio Ferraris

Pubblicazione:  7 ottobre 2021
Edizione:  1
Pagine:  160
Peso:  184 (gr)
Collana:  1106 Agorà
Formato:  140x210x12 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Tradotto da Alessandro Dell'Anna  -  Postfazione di Paolo Bozzi  -  Postfazione di Maurizio Ferraris
EAN:  9788821112201 9788821112201
€ 15,00 € 14,25
Sconto:  5%
Risparmi: € 0,75 ogni copia
Descrizione
Quest’opera, pubblicata postuma nel 1962, raccoglie le note di Austin sui problemi della percezione e sui temi fondamentali della conoscenza, della certezza e della realtà. L’autore le preparò, a partire dal 1947, per le sue lezioni e per i famosi Saturday Mornings, incontri settimanali informali ai quali intervennero e si formarono coloro che sarebbero diventati, negli anni Sessanta, i più noti filosofi del linguaggio ordinario: Grice, Pears, Strawson, Urmson e Warnock.
Sommario
1. Nota del traduttore di Alessandro Dell'Anna. 2 Bibliografia. 3. Prefazione alla prima edizione originale di G.J. Warnock. 4. Senso e sensibilia. 5. Postfazione. Sense and Visibilia di Paolo Bozzi e Maurizio Ferraris. 6. Indice dei nomi. 7. Indice analitico.
Note sull'autore
John Langshaw Austin (1911-1960) è il più rappresentativo tra i filosofi analitici di Oxford. Formatosi sui testi di Aristotele, è stato tra i maggiori esponenti della cosiddetta «filosofia del linguaggio ordinario», corrente di pensiero nata tra gli anni Trenta e Quaranta del Novecento, che ha autonomamente sviluppato idee analoghe a quelle diffuse da Wittgenstein a Cambridge nello stesso periodo. Di Austin il catalogo Marietti 1820 propone anche Come fare cose con le parole.