Le attività editoriali di Marietti 1820 proseguono regolarmente nell'ambito dell'esercizio provvisorio disposto dal Tribunale di Bologna con la sentenza di fallimento del Centro Editoriale Dehoniano s.r.l.
L'intero catalogo e le novitá editoriali in uscita sono e saranno disponibili nelle librerie e distribuiti anche su questo sito.
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vai al carrello

Filosofi all’alba del contemporaneo

Kant, Schelling, Schopenhauer, Nietzsche

Pubblicazione:  3 settembre 2020
Edizione:  1
Pagine:  128
Peso:  102 (gr)
Collana:  1103 I Melograni
Formato:  110x180x10 (mm)
Confezione:  Brossura
EAN:  9788821110238 9788821110238
€ 10,00 € 9,50
Sconto:  5%
Risparmi: € 0,50 ogni copia
Descrizione
I manuali parlano di un’età «contemporanea» che inizierebbe alla fine del Settecento con la Rivoluzione francese, ma in questo libro Barilli segue un metodo diverso che considera le varie epoche ricorrendo ai grandi eventi di natura scientifica e tecnologica. Per connotare quel periodo preferisce infatti osservare i primi passi dell’elettromagnetismo, che ha avuto tra i maggiori esponenti Alessandro Volta con la sua pila e Luigi Galvani con l’esperimento delle rane appese a una ringhiera metallica. Questo scoppio di nuove energie si registra in tutti i settori della cultura, nel campo delle arti visive, con le forme irregolari e inedite di Füssli, Blake, Goya, nella narrativa e nella filosofia.
Sommario
1. La questione del contemporaneo. 2. Luci e ombre nella filosofia di Kant. 3. Luci e ombre nella Critica
del giudizio. 4. Il cul de sac dell’Idealismo. 5. Shelling e Schopenhauer. 6. Problemi di estetica. 7. Un difficile rapporto con Nietzsche.
Note sull'autore
Renato Barilli è tra i maggiori esperti di arte e letteratura contemporanea. Ha fatto parte del Gruppo ’63 e diretto il Dipartimento di Arti visive dell’Università di Bologna, dove ha a lungo insegnato.