Le attività editoriali di Marietti 1820 proseguono regolarmente nell'ambito dell'esercizio provvisorio disposto dal Tribunale di Bologna con la sentenza di fallimento del Centro Editoriale Dehoniano s.r.l.
L'intero catalogo e le novitá editoriali in uscita sono e saranno disponibili nelle librerie e distribuiti anche su questo sito.
Hai disabilitato i cookie?

Sei in modalità privata?


Purtroppo in questo modo il tuo browser non è compatibile con il nostro sito.
Esci dalla modalità privata e ricarica la pagina

 {{itemCartEvent.titolo}} 
{{itemCartEvent.quantity}} copia nel carrello {{itemCartEvent.quantity}} copie nel carrello

Vai al carrello

Appunti sulla soppressione dei partiti politici

Traduzione e introduzione di Franco Ferrarotti

Pubblicazione:  18 marzo 2021
Edizione:  1
Pagine:  72
Peso:  53 (gr)
Collana:  1104 Le Madrèpore
Formato:  100x165x6 (mm)
Confezione:  Brossura
Altri autori:  Tradotto con commento di Franco Ferrarotti
EAN:  9788821111136 9788821111136
€ 7,00 € 6,65
Sconto:  5%
Risparmi: € 0,35 ogni copia
Descrizione
Nuova traduzione d'autore per un pamphlet divenuto un classico nella riflessione sui partiti politici. Macchine destinate a fabbricare passione collettiva, organizzazioni costituite in modo da esercitare un'oppressione sul pensiero dei membri, i partiti – afferma Simone Weil – hanno come unico scopo il loro potenziamento senza alcun limite. “Ogni partito è totalitario in germe e come aspirazione. Se non è tale di fatto, è solo perché quelli che lo circondano non lo sono meno di lui”.
Sommario
1. Introduzione, di Franco Ferrarotti. 2. Appunti sulla soppressione dei partiti politici.
Note sull'autore
Simone Weil (1909-1943), scrittrice e filosofa francese di famiglia ebraica, abbandonò l’insegnamento di Filosofia nei licei per vivere direttamente la vita di fabbrica. Emigrata con la famiglia negli Stati Uniti e poi in Inghilterra, militò a fianco delle autorità in esilio della Resistenza francese. Franco Ferrarotti è professore emerito di Sociologia all’Università di Roma “La Sapienza”.